Come conservare correttamente il cibo per mantenerlo fresco più a lungo

Conservare adeguatamente gli alimenti è fondamentale per garantire la loro freschezza e la sicurezza alimentare. In questo articolo, esamineremo i metodi più efficaci per conservare diversi tipi di cibo. 

Conservare gli alimenti
Conservare gli alimenti

Conservare adeguatamente gli alimenti è fondamentale per garantire la loro freschezza e la sicurezza alimentare. In questo articolo, esamineremo i metodi più efficaci per conservare diversi tipi di cibo, suggerimenti per mantenere il frigorifero e la dispensa organizzati e puliti e come evitare errori comuni che possono portare al deterioramento del cibo.

1. Trasporto e acquisto degli alimenti

La conservazione degli alimenti inizia già nel momento dell’acquisto e del trasporto. Ecco alcuni consigli per garantire la freschezza degli alimenti durante queste fasi:

  • Utilizzare borse termiche per trasportare i prodotti deperibili dal supermercato a casa, in modo da mantenere la giusta temperatura.
  • Evitare di lasciare gli alimenti troppo a lungo nel bagagliaio dell’auto, soprattutto se esposti a temperature estreme.
  • Scegliere alimenti con date di scadenza più lunghe, se possibile, e controllare sempre le etichette per assicurarsi che non siano già scaduti.

2. Scelta dei contenitori e dei materiali

Scegliere i giusti contenitori e materiali per conservare gli alimenti è fondamentale per mantenere la loro freschezza e prevenire la contaminazione. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Preferire contenitori in acciaio inossidabile, alluminio o vetro, che sono materiali sicuri e non rilasciano sostanze tossiche.
  • Evitare l’uso di pellicola trasparente, soprattutto se non è indicato che è priva di particelle tossiche che potrebbero entrare in contatto con cibi grassi o acidi.
  • Utilizzare contenitori con coperchi ermetici per prevenire l’ingresso di aria e umidità che potrebbero accelerare il deterioramento del cibo.
  • Sostituire frequentemente la carta utilizzata per avvolgere frutta, verdura e pesce per evitare che l’umidità rovini il cibo.

3. Organizzazione della dispensa

Una dispensa ben organizzata è essenziale per conservare correttamente gli alimenti stabili, come pane, pasta, cereali, acqua, olio, caffè, cibi in scatola e alcuni tipi di frutta come agrumi e ananas. Ecco come organizzare la dispensa per mantenere gli alimenti freschi più a lungo:

3.1. Posizionamento e temperatura ideale

  • Assicurarsi che i ripiani siano freschi, asciutti e non esposti direttamente alla luce.
  • Mantenere una temperatura ideale intorno ai 20 gradi Celsius.
  • Non riporre gli alimenti aperti in dispensa; in quel caso, devono essere conservati in frigorifero in un contenitore ermetico e consumati il più presto possibile.

3.2. Pulizia e manutenzione

  • Tenere le mensole sempre pulite, evitando che la polvere contamini il cibo, altrimenti sarebbe da buttare.
  • Controllare regolarmente gli alimenti per verificare eventuali segni di deterioramento o infestazioni da insetti e scartare quelli che non sono più sicuri da consumare.

4. Conservazione degli alimenti deperibili in frigorifero

Gli alimenti deperibili, come latticini, carne, pesce, frutta e verdura, devono essere conservati in frigorifero e consumati entro pochi giorni. Ecco alcuni consigli su come conservare correttamente questi alimenti:

4.1. Pulizia e manutenzione del frigorifero

  • Pulire regolarmente il frigorifero per evitare la proliferazione di batteri ed eliminare i cattivi odori. Deve essere pulito almeno una volta al mese con acqua e aceto o acqua e bicarbonato.
  • Impostare il termostato a 5 gradi Celsius per mantenere una temperatura ottimale.

4.2. Organizzazione dei ripiani

  • Sistemare correttamente i cibi sui ripiani, tenendo conto che, in base alla circolazione dell’aria e alle caratteristiche del frigorifero, ciascuno avrà una temperatura differente:
    • Gli spazi sullo sportello sono adatti per gli alimenti che devono essere mantenuti freschi, ma non hanno bisogno di temperature troppo basse.
    • Nel cassetto, che si mantiene a circa 7 gradi Celsius, conservare frutta e verdura da consumare rapidamente.
    • Sui ripiani bassi, con una temperatura tra 0 e 2 gradi Celsius, posizionare carne e pesce, da consumare entro due giorni dall’acquisto e che necessitano di temperature basse per rimanere intatti.
    • I ripiani alti e quelli centrali, più vicini al termostato, mantengono la sua temperatura e sono destinati agli alimenti da conservare dopo l’apertura e che sono già cotti.

4.3. Altri suggerimenti

  • Lasciare sufficiente spazio tra gli alimenti per permettere la circolazione dell’aria e prevenire il deterioramento.
  • Assicurarsi che gli avanzi di pranzo e cena non siano ancora caldi prima di riporli in frigorifero.
  • Evitare di posizionare vicini gli alimenti crudi e gli alimenti cotti per prevenire contaminazioni.
  • Utilizzare contenitori puliti e chiusi ermeticamente per riporre gli alimenti.

5. Conservazione di alimenti congelati e surgelati nel freezer

Il freezer è il luogo ideale per conservare alimenti da congelare e surgelati, ovvero cibi precotti che devono solo essere riscaldati prima di essere serviti. Ecco alcuni consigli per conservare correttamente questi alimenti:

5.1. Gestione degli alimenti scongelati

  • Una volta scongelati, i cibi già congelati in precedenza devono essere consumati nel giro di 24 ore e non possono essere posti nuovamente nel freezer.

5.2. Temperatura e pulizia del freezer

  • La temperatura ideale del congelatore è di circa -20 gradi Celsius.
  • Pulire il freezer almeno una volta al mese per evitare un eccessivo accumulo di brina.

5.3. Organizzazione e conservazione degli alimenti

  • Non conservare gli alimenti nel congelatore per più di 3-4 mesi, soprattutto se sono particolarmente grassi.
  • Non congelare troppe quantità di cibo tutte insieme; prediligere contenitori monouso.

5.4. Scongelamento degli alimenti

  • Per scongelare gli alimenti senza che perdano le loro proprietà, non lasciarli a temperatura ambiente, ma riporli in frigorifero, in modo che il processo sia lento.

6. Data di scadenza e rotazione degli alimenti

  • Riporre gli alimenti che deperiscono prima in posizioni più avanzate e quelli con una data di scadenza più lunga in fondo, in modo da non confondersi.
  • Controllare regolarmente le date di scadenza degli alimenti e consumare quelli che stanno per scadere prima di quelli con una data di scadenza più lunga.

7. Sicurezza alimentare in cucina

Seguire queste buone pratiche per garantire la sicurezza alimentare in cucina:

  • Lavarsi le mani prima di maneggiare gli alimenti e dopo aver toccato carne cruda, pollame o pesce.
  • Utilizzare taglieri separati per alimenti crudi e cotti per prevenire la contaminazione incrociata.
  • Cucinare gli alimenti alla giusta temperatura interna per uccidere eventuali batteri nocivi.

8. Conservazione di alimenti specifici

Alcuni alimenti richiedono metodi di conservazione particolari per garantire la loro freschezza e sicurezza. Ecco alcuni esempi:

8.1. Frutta e verdura

  • Conservare frutta e verdura in contenitori o sacchetti di plastica perforati per permettere la circolazione dell’aria.
  • Non lavare frutta e verdura prima di conservarle, poiché l’umidità può accelerare il deterioramento.

8.2. Latticini e formaggi

  • Conservare i latticini ben chiusi nel loro contenitore originale o in un contenitore ermetico.
  • Evitare di toccare direttamente i formaggi con le mani, utilizzare invece una forchetta o un pezzo di carta per manipolarli.

8.3. Carne e pesce

  • Conservare la carne e il pesce in contenitori ermetici o avvolti in carta stagnola o plastica per alimenti per evitare che i succhi contaminino altri alimenti nel frigorifero.

9. Pratiche da evitare nella conservazione degli alimenti

  • Non conservare alimenti in scatola aperta direttamente nel frigorifero, poiché il metallo può rilasciare sostanze tossiche. Trasferire invece il contenuto in un contenitore di plastica o vetro.
  • Non utilizzare contenitori di plastica danneggiati o graffiati, in quanto possono rilasciare sostanze chimiche nocive negli alimenti.

10. Controllo e prevenzione degli sprechi alimentari

  • Monitorare regolarmente gli alimenti conservati e sbarazzarsi di quelli che sono deteriorati o scaduti.
  • Pianificare i pasti e fare una lista della spesa per evitare di acquistare troppi alimenti che potrebbero andare sprecati.

In conclusione, conservare correttamente gli alimenti è fondamentale per garantire la loro freschezza, sicurezza e qualità. Seguendo questi consigli e buone pratiche, è possibile mantenere gli alimenti freschi più a lungo, ridurre gli sprechi alimentari e garantire la sicurezza alimentare per te e la tua famiglia.

Pubblicato in ,
Informazioni su Anna Bruno 38 Articoli
Anna Bruno è giornalista professionista, muove i suoi primi passi come cronista a “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), tra i quali “Viaggi e Sapori” e “Gente Viaggi” e i maggiori magazine di tecnologie. Nel 1998 fonda l’agenzia di comunicazione e Digital PR “FullPress Agency” che edita, dal 2001, FullTravel.it, magazine di viaggi online e VerdeGusto, magazine di food & wine, dei quali è direttore responsabile. Appassionata di fuori rotta, spesso si perde in nuovi sentieri, tutti da esplorare. È autrice di “Chat” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Viaggiare con Internet” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Comunità Virtuali” (Jackson Libri, Milano, 2002), “Digital Travel” (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020),  “Digital Food”  (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020) e dell’e-book “Come scrivere comunicati efficaci”. È delegata dei giornalisti di viaggio delle Marche-Umbria-SUD del GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica). Digital Travel & Food Specialist, relatrice in eventi del settore turistico e food e docente in corsi di formazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*