Culinarium Urtijei e Segra Sacun in Val Gardena

Due eventi ricchi di tradizione e di buoni sapori per l’autunno in Val Gardena, Alto Adige..

Segra Sacun Herbst ©valgardena.it
Segra Sacun Herbst ©valgardena.it

Ogni, anno, da secoli, in Val Gardena si svolge il mercato più importante per gli abitanti del posto, ovvero, Segra Sacun, in ottobre.

La Domenica viene celebrata la Messa nella Chiesetta di San Giacomo e, il lunedì successivo, a Ortisei si svolge il mercato autunnale “Segra Sacun” (10 ottobre 2022), originariamente il momento del baratto, in cui le persone si scambiavano utili oggetti per vivere, mentre oggi è un vivace simposio con bancarelle di ogni tipo e prelibatezze culinarie.

Esiste anche una tradizione romantica legata al mercato. Gli scapoli, in questi giorni di festa, regalano da sempre alla loro dama preferita una pera, decorata con un fiocco colorato. La prediletta dovrà, nei mesi successivi, tingere un uovo di Pasqua e lui dovrà essere così coraggioso da ritirarlo di persona. Al mercato autunnale “Segra Sacun” sono in vendita anche pere decorate in legno e, guidati dal tornitore Samuel, i visitatori realizzano il tradizionale regalo d’amore, ovvero, una pera in legno di cirmolo, larice, abete rosso o noce, decorata con un fiocco colorato e una piccola lettera d’amore.

Quest’anno, in concomitanza col mercato, si svolgerà anche un importante evento gastronomico. Parliamo di Culinarium Urtijei, che si terrà dal 01 al 23 Ottobre a Ortisei, per mostrare la tipica cucina gardenese e le radici contadine di essa.

Ortisei è il capoluogo della Val Gardena, conosciuto anche per la sua grande varietà culinaria, dove si trovano ristoranti stellati, con un tocco di internazionalità, o anche strutture in grado di offrire una cucina altoatesina raffinata, oltre a pizzerie e ristori tradizionali ladini.

Ristorante Mea Via ©valgardena.it
Ristorante Mea Via ©valgardena.it

I ristoratori locali cercano fornitori di materie prime non solo presso i masi della Val Gardena ma anche nelle valli vicine, tra i viticoltori e gli agricoltori specializzati. Successivamente, trasmettono in modo autentico le ricette locali, interpretandole in modo diverso e moderno.

Potrebbe interessarti:   Turismo enogastronomico al TTG Experience di Rimini

Anche se l’agricoltura, nella maggior parte dei masi nella Val Gardena costituisce solo un’attività secondaria, in quanto poco proficua a queste altitudini, sono proprio i contadini che oggigiorno forniscono impulsi significativi alla cultura alimentare, incentrata sul rispetto dell’ambiente e sulla salute, soprattutto grazie alla conservazione di antiche ricette gardenesi.
Un buon esempio di questa passione per la tradizione è offerto dalle visite guidate che saranno organizzate durante Culinarium, andando presso le fattorie e i monumenti antichi. Eccone alcune:

Escursione ai salici
“La nostra carne”: questo è il motto con cui allevatori e ristoratori della Val Gardena lavorano insieme per trasformare la carna di vitelli, bovini, maiali e pecore della valle, in prelibatezze culinarie. Le guide escursionistiche accompagnano i visitatori a conoscere i contadini, i loro masi e gli animali felici.

Visita alla fattoria delle capre
L’agricoltore David di Laion alleva capre di montagna secondo principi ecologici. Nel suo caseificio produce latte, yogurt, panna cotta, budino e formaggio fresco. Una guida escursionistica accompagna gli ospiti, da Ortisei lungo il “Sentiero della Posta” fino al maso Goashof, dove David li accoglie per una piccola degustazione e spiega il suo progetto sostenibile.

Un viaggio nel passato
Grazie alla posizione favorevole, la frazione di Bulla è stata considerata il granaio della Val Gardena. La coltivazione del grano e il mestiere del mugnaio sono spiegati durante una visita guidata agli antichi mulini di Bulla, che risalgono al XVIII/XIX secolo e sono parzialmente conservati e ristrutturati.

Montagne della Val Gardena in autunno ©DamianHolzknecht
Montagne della Val Gardena in autunno ©DamianHolzknecht

Infine, l’autunno dorato della Val Gardena prevede anche 3 appuntamenti per un aperitivo lungo “Burning Dolomites” alla stazione a monte del Mont Seuc (Alpe di Siusi), il 21 settembre, il 28 settembre e il 5 ottobre. Una serata unica in cui ammirare le Dolomiti alla luce del tramonto.

Potrebbe interessarti:   Mostra vini di Bolzano

Salita con la telecabina con una corsa speciale alle 18h, poi – consigliata – una breve escursione (10 min) al punto panoramico Mezdì.

Nella terrazza panoramica, presso la telecabina, il ristorante offrirà 3 stuzzichini con aperitivo, o anche un menù à la carte. Alle 20h, circa 15 minuti dopo il tramonto, si scenderà con la corsa speciale della telecabina.

Mercoledì, 21 settembre 2022
Mercoledì, 28 settembre 2022
Mercoledì, 05 ottobre 2022

Ustaria da Checco ©valgardena.it
Ustaria da Checco ©valgardena.it

Costi:
Salita con la telecabina alle ore 18 o prima: sono validi tutti i biglietti e gli abbonamenti. Alle ore 18 c’è il biglietto speciale per l’evento, a 9,90€ per il viaggio di andata e ritorno.
Discesa con corsa speciale: sono validi tutti i biglietti comuni della telecabina, ma non la Gardenacard e la Supersummer card.
Stuzzichini con aperitivo 12 €, mentre il menù e i vini sono à la carte.
L’ufficio turistico è disponibile fino al giorno precedente un pacchetto scontato che comprende la telecabina, stuzzichini e aperitivo a 20€.

Pubblicato in

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*